Vincenzo De Cotiis reinterpreta in modo artistico un ex darsena a Forte dei Marmi

Un ex darsena nella capitale estiva della Versilia diventa una casa vacanza per opera dall’architetto Vincenzo De Cotiis, nella quale i mobili disegnati ad hoc si alternano a pezzi trovati di designer anonimi.

Architetto milanese, Vincenzo De Cotiis, è stato chiamato per intervenire su una vecchia darsena immersa nel verde a Forte dei Marmi. L’ex architettura industriale, ormai dimenticata, è stata trasformata in una casa per le vacanze nella quale sono stati ripensati i volumi e gli interni, secondo il tocco originale e fuori dagli schemi dell’architetto lombardo.

L’approccio al progetto di De Cotiis

Vincenzo De Cotiis ha un modo singolare di approcciarsi ai progetti, infatti, il perno dei suoi lavori si basa sul mantenere vivo il contrasto tra le tracce di ieri e gli elementi contemporanei. Nei suoi lavori si percepisce una narrazione coerente, un dialogo con il passato che si ritrova negli arredi. Si passa, infatti, dal grande divano laccato rosso che evoca gli Anni 70, alle sedie da giardino Anni 50, fino ad arrivare agli armadi della cucina in stile Art Déco. Nel progettare gli arredi degli spazi industriali dell’ex darsena l’architetto parte sempre da un’impronta artistica, conferendo maggiore importanza alla scultura piuttosto che al design.

Gli elementi chiave che caratterizzano l’intervento

Nel piano terra dell’ex darsena l’architetto ha fatto in modo che le pareti fossero punteggiate da grandi finestre, così da poter avere un’ampia vista sul parco alberato che circonda l’edificio. Il progetto viene ribaltato al primo piano, nel quale le tre camere da letto e i due bagni sono caratterizzati da un’atmosfera diversa. Ad illuminarle sono lucernari e le stanze risultano intime e chiuse, ricordando ambienti monastici. Ambienti maestosi quindi, dove Vincenzo De Cotiis intreccia con sapienza e maestria materiali appartenenti a mondi diversi: dal calcestruzzo ai marmi, dalla fibra di vetro all’ottone, dai materiali ricchi a quelli più poveri.

Progetto: Vincenzo De Cotiis – Foto: Ambroise Tézenas

Il mondo dell’arredamento di interni è ampio e variegato. Che ne dici di continuare ad ispirarti entrando in un’abitazione in Toscana? Nella quale la luce fa da trait d’union nell’arredamento dell’ampia cascina.

Share

Sono un architetto che ama l'arte, la moda e l'arredamento. Ho concepito Ice Cream Architecture come una piattaforma nella quale condividere insieme a voi le opere di architettura, di interior e urban design che maggiormente hanno attirato la mia attenzione. Per info e collaborazioni contattatemi al mio indirizzo mail panarellof@hotmail.it e sarò lieto di rispondervi e dialogare insieme a voi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *