Torino, la città matrioska reinventa il nucleo abitativo

Architettura a Torino

Riempire uno spazio, così come una scatola, non è semplice. La situazione si complica notevolmente se ad essere riempito deve essere unno spazio architettonico. Molte volte si è chiamati ad intervenire su ampie superfici obsolete con lo scopo di modernizzarle e trasformarle in un qualcosa di sensazionale che stia al passo con la contemporaneità in cui viviamo. Questa pratica non è semplice, è spesso si incappa in veri e propri scempi architettonici riempiti con oggetti incoerenti che non dialogano gli uni con gli altri. A Torino però, ex-città industriale italiana, sempre più spesso siamo soliti scoprire abitazioni realizzate da giovani artisti che hanno la capacità di stupire ed emozionare. Ne è un esempio l’intervento di Studioata che ha trasformato un appartamento ottocentesco adattandolo alle esigenze dell’abitare contemporaneo.

Torino rinasce per mano di Studioata

La città barocca di Torino offre molti palazzi ottocenteschi sui quali poter intervenire realizzando ristrutturazioni di interni suggestive e da togliere il fiato. Studioata, studio di architettura con sede a Torino e Madrid ha infatti completato l’intervento di ristrutturazione di un appartamento in via Cernaia, via ricca di edifici eclettici e sontuosi situata nel centro storico della città. I lavori di ristrutturazione hanno coinvolto un alloggio al piano nobile, caratterizzato da ariosi saloni voltati di cui è preservata e valorizzata la spazialità, coniugandola con le esigenze dell’abitare moderno.

Spazio non ordinario e flessibile a Torino

L’interno dell’abitazione è costituito da due direttrici principali, l’asse ingresso-cucina e l’asse terrazzo-zona notte, le quali si intersecano nel salone, area centrale dell’intero appartamento. Una successione di ambienti raccordati da lievi scarti di quota descrivono il locale, offrendo una percezione dinamica e cangiante al variare della luce naturale ed artificiale. Il progetto, concepito per un professionista spesso in viaggio, mira a creare uno spazio capace di rendersi pubblico o intimo assecondando così le intenzioni e gli stati d’animo del proprietario.

Nell’area centrale dell’abitazione è stato inserito un soppalco, che ha la funzione di dividere il volume in tre spazi con funzioni differenti: camera da letto, sala tv e studio. Per lasciare percepire la stereometria ottocentesca il soppalco è stato leggermente discostato dal perimetro della casa, così da permettere di godere del restauro della volta affrescata dell’originario salone e dei pavimenti lignei ancora esistenti.

Anche a Lisbona, come a Torino, trovi abitazioni dal forte carattere architettonico, clicca qui per saperne di più.

Arredamento in via Cernaia a Torino

Share

Sono un architetto che ama l'arte, la moda e l'arredamento. Ho concepito Ice Cream Architecture come una piattaforma nella quale condividere insieme a voi le opere di architettura, di interior e urban design che maggiormente hanno attirato la mia attenzione. Per info e collaborazioni contattatemi al mio indirizzo mail panarellof@hotmail.it e sarò lieto di rispondervi e dialogare insieme a voi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *