SUN68 inaugura i nuovi negozi progettati da C&P Architetti.

sun68

Il noto marchio di moda Italiano, SUN68, ha affidato la realizzazione dei propri punti vendita agli architetti veneti Luca Cuzzolin e Elena Pedrina – C&P Architetti.

“Per i primi negozi si era pensato ad un’immagine architettonica unica, riconoscibile, fortemente aderente alle condizioni dello spazio da trasformare: condizioni lette e messe all’evidenza da un disegno capace non solo di rivelarle, ma anche di risaltarne l’essenziale natura, materica o strutturale. Adesso, invece, la richiesta è di spazi flessibili e potenzialmente mutevoli: l’idea è di realizzare negozi facilmente adattabili ai necessari cambiamenti e, quindi, installabili in tempi brevi”. 

L’obiettivo non è di disegnare un rigido “format” ripetibile nelle diverse condizioni, ma di definire una modalità di allestimento fondata su due livelli separati di intervento.

Il primo livello della progettazione riguarda l’involucro esistente dei locali, mentre il secondo definisce gli “elementi di arredo” per il funzionamento del negozio.

L’intervento sull’involucro prevede, se possibile, la “pulizia profonda” delle superfici esistenti, nel tentativo di riportare alla luce muri antichi, pavimenti originali o altri elementi storici. Un’altra strategia ha l’obiettivo di trasformare l’involucro interno in un ambiente neutro e monocromatico che mantiene a vista tutti gli elementi trovati, come semplici pignatte di solaio rotte, rattoppi casuali di murature o condutture di scarico a vista.

 Quando non vi sono le condizioni per valorizzare elementi preesistenti, si procede con la realizzazione di una “scatola-contenitore” completamente nuova, che si sovrappone al pavimento e alle pareti. L’inserimento di questa nuova scatola all’interno degli ambienti esistenti diviene lo sfondo sul quale si appoggiano le strutture espositive e contenitive del negozio.

Il secondo livello prevede la progettazione degli elementi espositivi – cassa, camerini e altri accessori necessari al funzionamento del negozio – attraverso l’uso di pochi materiali base, quali: il truciolare, il ferro cerato, lo specchio e il plexiglass.

Il processo di mescolamento dei diversi materiali permette la costruzione di un’immagine che, pur variando ogni volta, riesce a mantenere una sequenzialità e una coerenza figurativa riconoscibile e personalizzata.

Il recupero dell’involucro dona allo spazio un carattere di stabilità e durevolezza, mentre gli elementi più leggeri e temporanei dei mobili esaltano il prodotto, contribuendo alla valorizzazione del carattere architettonico degli spazi.

Share

Sono un architetto che ama l'arte, la moda e l'arredamento. Ho concepito Ice Cream Architecture come una piattaforma nella quale condividere insieme a voi le opere di architettura, di interior ed urban design che maggiormente hanno attirato la mia attenzione. Per info e collaborazioni contattatemi al mio indirizzo mail panarellof@hotmail.it e sarò lieto di rispondervi e dialogare insieme a voi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *