Starbucks shipping container: shopping experience a 360°!

 Sono stato completamente rapito dall’architettura dei containers da quando ho svolto il Corso di Alta Specializzazione in Temporary Shop Design presso il PoliDesign di Milano. In quell’occasione io e il mio gruppo di lavoro abbiamo ideato e progettato il negozio temporaneo della Canon, realizzando una struttura itinerante di containers che fosse possibile spostare in tre grandi città: Parigi, Berlino, Milano.

Da quell’esperienza è stato amore a prima vista in quanto considero il container una struttura che facilmente possa adattarsi alle diverse esigenze della committenza. Facile e veloce da montare, rapidamente trasportabile, si presta bene a dare vita alle più svariate forme: su due piani, a sbalzo, spazi interni, cortili e balconi esterni fino ad arrivare alle sperimentazioni di veri e propri grattacieli di containers.

Un esempio che trovo molto interessante è quello realizzato dalla e per la catena di colazioni più conosciuta nel mondo: Starbucks!

starbucks shipping container

Il progetto, stimolante e sostenibile, è nato dal desiderio di riutilizzare i containers nei quali vengono trasportati i prodotti Starbucks nel mondo, in modo da ridurre l’inquinamento e i rifiuti che essi avrebbero potuto generare. Infatti, a fine ciclio di vita, questi enormi contenitori rettangolari vengono riutilizzati cambiando la propria destinazione d’uso. Ne bastano quattro per contenere tutto il negozio. In questo modo i containers vengono recuperati, rinnovati, tornando a nuova vita.

La struttura guarda a quel filone architettonico della sostenibilità, e per questo motivo è stata progettata pensando alla riduzione dei consumi energetici. Ad esempio l’acqua piovana che viene raccolta dal tetto della struttura è utilizzata per nutrire la vegetazione del paesaggio circostante, riducendone così il consumo.

Il marchio, che da sempre si fa porta bandiera della progettazione sostenibile e mira a ridurre il proprio impatto ambientale, vuole esportare questa struttura nel mondo: prima come emblema di un comportamento edilizio e di vita che tutti dovrebbero eseguire, quello del risparmio energetico e della riduzione dell’inquinamento in tutte le sue forme, e dopo come edificio bandiera che possa fungere da elemento distintivo, edificio che all’occorrenza può essere smontato, spostato e ricostruito altrove.

Immagini relative al Temporary Shop di Starbucks sito in Northglenn, Colorado, USA.

Share

Sono un architetto che ama l'arte, la moda e l'arredamento. Ho concepito Ice Cream Architecture come una piattaforma nella quale condividere insieme a voi le opere di architettura, di interior e urban design che maggiormente hanno attirato la mia attenzione. Per info e collaborazioni contattatemi al mio indirizzo mail panarellof@hotmail.it e sarò lieto di rispondervi e dialogare insieme a voi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *